pausa pranzo

Non so il perché.

la mia pausa pranzo di oggi mi ha riportato un po’ indietro nel tempo.

Al liceo finivo la mattinata di scuola.

Tornavo a casa a piedi da sola.

Mi preparavo il pranzo e mangiavo davanti alla tv. 

Da sola. Non ho mai o quasi mai pensato di chiamare qualche amica.

Sistemavo e poi mi facevo letteralmente i fatti miei, finché non arrivava l’ora di andare a prendere mio fratellino a scuola.

Mi sono sentita bene.

Nonostante io stessi vivendo il capitolo più brutto e triste della mia vita, in quelle ore in cui stavo sola, stavo bene.

Senza fare nulla di che.

Per alcune persone è necessario e vitale avere momenti di solitudine.

Io sono una di queste.

Quando sto per un po da sola con i miei pensieri, io sto bene.

Là fuori c’è troppo caos e cattiveria. 

Non ce la faccio. 

È dura avere a che fare con le persone per tutto il giorno a lavoro, ma si deve fare.

Advertisements

Depre – Subsonica 

Aldol darkene triptizol

Noan anasclerol

Valitran serpax vatran

 

Psycoton seranase liserdol

Felison flunox control

Quilibrex e lexotan

 

Zoloft lorans depas tavor

Valeans xanax roipnol

Luminale seropram

 

Più giù più giù

Sto precipitando forse sto volando

Più giù più giù

(in depre senza rete)

Oggi va così…